Logo_del_sito



La Pavona

Mi raccontava un amico che, il vecchio custode del Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, raccontava con dovizia di particolari, delle manifestazioni notturne del fantasma della "Pavona" (così il popolo faentino chiamava Cassandra Pavoni), in giro per i saloni del Museo. Forse in questo modo, fra le ceramiche che l'avevano così esplicitamente celebrato, Cassandra, poteva rivivere il suo amore clandestino per Galeotto Manfredi (Signore di Faenza), abbondantemente ricambiato, pur se sacrificato alla "ragion di stato". Galeotto, infatti, sposò Francesca Bentivoglio (figlia del Signore di Bologna), dalla quale fu fatto uccidere, qualche anno dopo (istigata dai suoi familiari e partecipando attivamente all'omicidio). La "Pavona", sopravvisse a tutti i personaggi della tragedia e concluse i suoi giorni, col nome di suor Benedetta, nel convento di San Maglorio (del quale, i locali del Museo, ne inglobarono poi una parte).

precedente successivo

TORNA ALL'INDICE



Föl
é un opera rilasciata sotto licenza
Creative Commons 3.0 Unported License
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

Licenza Creative Commons

Scarica gratuitamente il volume integrale in formato ".epub"

ATTENZIONE: SOLO PER CHI USA INTERNET EXPLORER UTILIZARE IL LINK SEGUENTE E DECOMPRIMERE IL FILE ZIPPATO UNA VOLTA SCARICATO

Scarica gratuitamente il volume integrale in formato ".epub"

DataShack - Internet services